Piani Quinquiennali

5 anni fa mi aggiravo, disperso nella nebbia nei dintorni dell'autostazione di Modena. "Prendi il 9 e fermati in Via Tito Speri", mi dissero…e io, noncurante, stavo invece dirigendomi a piedi verso il Grandemilia dicendo fra me e me: "avrò mica fatto una cazzata?".

Avevo studiato negli ultimo periodo solo per questo, era il mio obiettivo. Vedevo i miei giorni nell'isola limitati, chiusi in se stessi. Belli, ma incompleti. Neanche a dirlo, isolati. Iniziavo a conoscere le persone dall'altra parte del mare, a leggere, a voler viaggiare, a scontrarmi con un mondo che riconosco ancora oggi come non mio. C'era tutto un "giro" che volevo vivere al di fuori e finii per dimenticarmi delle semplici cose dell'isola. Oggi, mentre tra un piuomen e una branda si preparava l'accampamento invernale realizzavo queste cose e che 5 anni fa su quella brandina ci dormivo io, desideroso di chissà che cosa. E il secondo dopo realizzavo che a parte pochissime reali felicità non ho ottenuto quasi niente. Anzi forse sono stato anche talmente idiota da trascurare quello che mi stavo creando per cose futili e inutili.

Forse è l'anno dei 30 che inizia a mettermi questi pensieri, forse le trame degli ultimi 10 anni di film italiani hanno alla fine un senso. Come sono rientrato in casa ho guardato la stanza. Un vecchio cappello della Guinness impolverato, una porta ricoperta di flyer e volantini presi o rubacchiati in giro per l'Italia, un giradischi vecchio ma stupendo, libri a non finire, foto, quasi-dipinti, diversi biglietti di concerti, poster presi anch'essi in giro per l'italia, strappati magari scendendo di corsa da una macchina in Brianza, flauti, una bellissima casettina con dentro le mie cosine.

Ecco.

Quella casettina. Ci sono Io. C'è il mio presente, il mio passato e forse c'era anche qualche piano futuro. Quante di quelle cose ho trascurato nell'ultimo anno? Quante di quelle persone in qualche maniera rappresentate? Quanto di me stesso? Cosa è cambiato a tal punto da "isolarmi", da farmi diventare davvero un introverso?Un conto sarebbe vivere in Rue des Trois Freres a Paris, ma sto a Modena e avrei un mondo intorno. 

Ho riletto un pò il sito oggi, che era un blog, a suo volta preso da un altro blog. E' nato praticamente nel 2004…c'è dentro tutto di me, non gli ho mai nascosto nulla. Eppure da qualche tempo non riesco più a scrivere come prima. Da quando? Un anno e mezzo. Da quando non riesco più a sentire le mie cose come realmente parte della mia vita? Un anno e mezzo. Vorrei in qualche modo no fosse cosi, ma lo è. E' inevitabile. Laurearsi è davvero cambiare un pò dentro. Mettersi a lavorare sul serio ancora di più. Per dio, non rigetto nulla. Dovrei baciarmi i gomiti, ho un lavoro, e sono consapevole che nella zona in cui abito, per il mestiere che faccio e per il periodo che si sta passando è meglio di tanti altri. questo però non vuol dire che sia necessariamente il migliore in circolazione. Anzi. Inutile nasconderlo ma specie ultimamente non lo sopporto, e non vi sopporto nessuno. E' un mondo che ancor più di questo non mi appartiene. Parliamoci seriamente, non me ne frega proprio nulla di aggiornare una Provincia, di fare un' analisi per un'altra, rispondere, preoccuparmi di un cliente. E' che lo devo fare. E basta. Tanto, lo scopo è solo uno: profitto. Mascherato ovviamente dal fatto che lavorando per le PA si realizzao servizi. Verissimo, infatti non fosse cosi da quando avrei tagliato la corda. Ma anche in questa situazione non mi piace proprio. C'è questo sentimento latente e invisibile di persone che sornione pensano "Eheh…che figata che ho appena fatto, e con quello che ho fatto guadagneremo soldi". Alla fine è questo, soltanto questo lo scopo di 8 ore. E cosa rimane. Per gli altri non lo so e non mi interessa, per me nulla. Nulla. Continuo a vedermi da altre parti.

Nello stesso tempo però mi rendo conto che questa situazione mi ha tagliato le gambe in qualche maniera. Ci sta che si torni a casa e non si abbia voglia di fare nulla se non coricarsi. Ci sta, può capitare. Ma non ci sta che si torni a casa e si perda l'interesse in ciò che prima erano i propri interessi. Da quando non tocco un flauto? E la fisa? E le clave? E le pallette? E i "viaggi"informatici? E i viaggi alla cieca per trovare gli amici? E i concerti un paio di volte a settimana? E un pub? Dio, un pub? Forse sono riuscito anche a tagliare dei rapporti consapevolmente o inconsapevolmente. 

Vero è che non è possibile paragonare persone e situazioni a distanza di 5 anni: Si cresce tutti e le cose per forza di cosa cambiano. Però forse ora è un pò troppo. Di solito in questo periodo parte il toto-propositiperlannonuovo…io non so cosa voglio quest'anno. Cioè in realtà lo so, ma la mia ultima parte indolente mi spinge a dire il contrario. Lo saprei in realtà…non vorrei un ritorno al passato, questo no. Anche se mi manca tremendamente. Però c'è da dare una svolta..non necessariamente all'improvviso o un salto nel buio (che so già che mi bloccherebbe sin dall'inizio epr come sono fatto) ma magari a passi, iniziando a prendere un pò più confidenza con ciò che ho lasciato da parte.

Tra i tanti ricordi letti nel blog è spuntato anche il testo di una vecchia canzone:

So some things in life are bad,

they can really make you mad,

and other things just make you swear and curse.

When you're chewing on life's gristle,

don't grumble, give a whistle.

And this will help things turn out for the best.

And..

Reprise

Avevo detto che avrei ripreso ed eccomi qua a dispetto dell’orario..anzi, la notte è compagna in fondo…rasserena…calma, placida..lieve..e Ludovico ci mette del suo come sempre…se l’eternità ha delle note son queste..
Inutile stare a parlare di cosa penso e di cosa mi porto dietro ogni volta da quella Terra..va vissuto e stop. Nonostante l’isolamento molte son state le cose che han vagabondato per una testa vuota..innanzitutto la consapevolezza che non avere dubbi nella propria vita e dare tutto per scontato significa semplicemente non vivere, non crescere..solo gli imbecilli danno tutto per scontato per cui ben vengano se portano alla convinzione che affrontarli renda tutto più semplice e superarli ancora più soddisfacente…tutto ciò che si ottiene con anche una piccola goccia di impegno o di volontà è sempre un piccolo tesoro da tenersi stretto. Io ora queste piccole convinzioni credo di avercele e me le tengo molto strette đŸ™‚ ( e ovviamente anche la persona che la riguardano). Riguardo le foto di quest giorni passati…non tantissime in effetti, forse anche un pò monotone…ma ciascuno con un significato personale diverso..stavolta con un pò di "distacco"..viste come da "straniero" quasi, come uno che difficilemente tornerà proprietario di quella Terra..
Nel frattempo siamo cresiciuti, ieri seguivamo Chimica o Fisica in Aula B0, oggi lavoriamo o siamo agli sgoccioli..abbiamo i nostri progetti, le nostre ambizioni..piccoli che crescono..sento più la nostra crescita che non quella che c’è stata nelle superiori o in generale nell’adolescenza, forse perchè l’Università ti lascia lì, come un pirla, con un foglio in mano che vale nulla.."toh, mò arrangiati"..e lì cresci di botto..ma ritrovarsi è sempre bello..
Si cresce anche capendo che quelli che erano gli amici dell’adolescenza è difficile che restino amici dell’età adulta, specie in un paesino stupido e bigotto dove se stai fuori per più di un mese sei già "strangiu"…pazienza.Ci son abituato.E ho sempre vinto.
Le spiaggie stanno bene..belle e desolate come sempre…darei un occhio per passare la mia vita su una di quelle..specie di inverno con il mare incazzato come una iena, il maestrale pungente e una tagliente pioggerellina…ma anche le altre stagioni mica mi farebbero schifo…
Ci sono anche le note stonate…più pratiche ovviamente..perchè le difficoltà vere si incontrano quando poi fai i conti con ciò che  c’è fuori, specie per ciò che riguarda lavoro o soldi…in un altro st
ato con un altro popolo certe situazioni non si verificherebbero..il perchè ormai non lo sto a spiegare..sembra peggio di un film dei Vanzina, ma abbiamo passato di peggio..
E tra ciò che è passato c’è l’ennesimo anno..il 13° ormai…lunghi..troppo..
C’è stato anche il tempo per fare 2.300 euro tutti d’un botto ad un banchetto..(alla facciaccia di chi so io) e ritrovarli è sempre molto bello…le solite cazzate, i soliti scherzi…ha ragione Felix che è l’ambiente di lavoro migliore del mondo…
A proposito di Felix, non potevo fare a meno di guardare il concerto di oggi sotto un aspetto diverso, cercando di capiere :"che mai sarà successo?"…conosco pochissimo entrambi, forse più Felix che Guido..e so che Felix è Tutto, tranne una persona che cerca di metterla nel culo al prossimo…anzi..totalmente il contrario..paranoica..inaffidabile..ma se deve fare un qualcosa anche la più piccola ci mette l’anima…tutta intera..
E sempre riguardo oggi io riconosco quando una causa è persa…questa è persa e non ci sono storie, questo film l’ho visto già l’hanno scorso e oggi, non me ne vogliate, posso dire "quando io dicevo che.."..eh…
 e poi stop…sulla chiusura di Eden Roc direi di andare a letto

Eden Roc – Ludovico Einaudi


Ricordi

Oggi, a mente un pò più leggera, con un cd di Einaudi sotto son stato preso un pò dai ricordi..e per paura di perderli in qualche maniera li trascrivo..
un breve specchietto..
concerto-svolta?!ma quanti ne aveva gia visto di concerti svolta?quello che glieli ha fatti piacere, quello dove si era incantato, quelli dove ogni volta ricordava e ricordava e ricordava..non c’era al dievel e stavolta neanche una lacrima, e ha pensato solo una volta al passato..ma a un passato recente, al 3 marzo e a come si sentiva davvero bene, sereno, a casa..stavolta ha pensato e cantato al futuro, più vedeva quel palco più pensava che potrebbero essere davvero pochi mesi, pochissimi..ha fatto un concerto sorridendo a ogni canzone, anche a quelle pessime.."chissa quali rifarnno fra pochi mesi"..e lo stesso nelle chiacchierate con chi gli diceva " dai che andiamo in curva a combattere i fgrifoni"..
il futuro?
chissà..

cosa stava facendo il 19 luglio 1985..e il 19 luglio 2005 cosa stava facendo?non se lo ricorda..che impressione ha avuto, due giorni bellissimi ma è andato via con un magone e un groppo in gola enorme..
Stava(TN) 19 uglio 1985..gli era sconosciuta sino a ieri, fors eper distrazioe, forse perchè inutile parlare nei giornali di una strage che rimane quasi impunita, " a vino e tarallucci" da buoni italiani..non sa cosa si prova ad andare a Auschwitz..o a Piazza Fontana..o sul cippo di Ustica..sa cosa vuol dire troarsi in piazza a Buggerru fra le statue dei minatori uccisi..conosce la tristezza che può lasciar dietro Fossoli..e ora sa pure di Stava, un altro Vajont..ma il Vajont era una montagna di 250 milioi di metri cubi caduta in lago artificale, frse un pòò più casuale..Stava no, Stava erano due bacini, due castelli di sabbia alti 54 metri che dentro contenevano 300 mila metri cubi di fanghi residui della flottazione della fluorite..deel fango dentro a un castello di sabbia..permessi illegali, verifiche superficiali e messe a tacere anche quando nel 74 u ingegnere si stupì del fatto che quei bacini non fossero ancora crollati…
e la gente lo sapeva, lo diceva, ma capirai..Stava, un paesino di ppoche anime, chesi riempiva nella stagione turistica come la vicina Tesero, del quale era frazione…un pò di albergi, il ponte sul Rio Stava, le case, dei masi..e sopra la mineira di fluorite che avrebbe dato lavoro..
il 19 luglio 1985 i castelli di sabbia crollarono e 300 mila metri cubi di fango llimacccioso si portarono dietro più di 250 cuori, a una velocità di 90 km all’ora..il fiume di fango percorsee oltre 4 km infrangendosi nei ponti di tesero..alberghi rasi al suolo..alberi spazzat via come fieno dalla sola forze d’urto chee precedeva l’onda nera..la gente stava mangiando a quell’ora..qualcuno era a finnghi in alto e si salvo..morirono anche 4 ragazzi di samassi e poi emiliani, romagnoli, veeneti, austriaci, toscan..oltre agli lbitanti del luogo..
un paese distrutto
oggi stava è un paese nuovo, le case son bellissime, lunga la via per andare all’alppe di pampeago..un signore l’altroieri stava curando i gerani e il giardino, si son fermati a chiacchierare un pò con suo zio..la gente da queste parti è amicheevole e non disdegna mai un sorriso..ma gli occhi grigi avevano l’aria di chi ha visto la propria vita andarsene..
furono condannati per omicidio colposo, giuridicamente un omcidio di cui si ha una responsabilità "leggera", un omicidio non voluto..ma quando le verifiche sugli arrgini dei bacini furono insabbiate, quanto può essere stato non voluto come atto?
la gente lo sapeva e lo ddiceva..la gente era insicura della ddiga sul vajont e lo diceva e a gente sapeva anche che gli aerei faceevao sttrane acrrobazie sulla via del cermis…stragi tuttora impunite..voci che si son perse nell’aria e nel fango
è uno specchio semi-personale..si è dato del coglione pperchè di questa vicendda non sapeva nulla
ora ne sa un pò di più
per il resto sta dove deve stare, e cioè a casa sua

www.stava1985.it

le moulin.strada di notte.fari di auto.la linea bianca a destra che scorre.lo sguardo in avanti.
la rue des cascades.qualcosa di veloce.di improvviso e sfuocato.una litigata.una porta che sbatte a Brest.una casa rosa. i le porte e le finestre bordate di bianco.un vaso vicino,uno stradello in salita verso una collina.una gonna leggera e volante.un gatto che cammina e segue.una fotografia color seppia di una scogliera.un treno fra le nuvole.il fumo del treno fra le nuvole.le nuvole fra il fumo del treno.una foglia che cade.l’ultima.
monochrome.un tavolo.una macchina da scrivere sopra.un quadro dietro.un lampione nel quadro acceso.l’omino che cerca di spegnerlo.le mani su un piano.una platea vuota con luci rosse.i drappi rossi alle uscite.leluci che si spengono.lo schermo che si illumina.film vecchio.le immagini a scatti quasi.una ragazza seduta a un lato.sotto il telo.
J’y suis jamais allè
una bicicletta capovolta.le ruote che girano.il ruimore della catena.una strada di ciottoli.un dolce.
close cover.un bicchiere.forse due.un amaro.un cordiale.un tappeto.il fuoco.una coperta a quadri.un maglione.un riflesso su un lato del camno dalla finestra.l’ombra della luna forse.
l’absente.un no.il nulla.un urlo.una mano che si tende.ma sfugge.i clown.un arlecchino e un pierrot che scherzano.una pista da circo deserta.un solo riflettore.e maschere che compauiono e scompaiono nel fascio di luce.una bambina siede sul bordo pista.un battito di mani.
l’après midi.la finestra piccola.un pò più alta delle altre.la pioggia.batte.tic tic tic.le gocce scendono dal vetro.il vento.le gocce come lacrime.
struggle for pleasure.è seduto.aspetta.non sa cosa.e non sa chi.sta sulle dune.il cielo è nuvoloso.grigio.pesante.il mare mosso.conosce quel posto.si chiude in un vecchio cappotto.e beve qualcosa di caldo.è in piedi da solo.si gode le sue dune.grigie ora che è nuvoloso.il omnte dietro lo sorveglia.lo ripara dalle nuvole che lo avvolgono.il faro.molto lontano.gli occhi chiusi, non sa dove.un iano forte sulla spiaggia.le gambe fra la schiuma.i capelli bagnati davanti agli occhi.il repsiro prima di un salto.le orecchie che si riempiono di cascate di note.una mano prendo il suo braccio.si gira.
la noyee.piazza grande.la signora buona.il caffe.gira a braccia a perte nella piazza.sale sul campanile.scende nella cripta.le strade corte e sottili.rosso modena e giallo modena.ride.sorride.sorride alla gente.corre fra le vie.si appoggia a una colonna.grandangolo sulla piazza.fumo
les jours tristes.altre sradine.ma altra città.le copre proprio sotto la pioggia.angoli senza gente.la città diversa.preferisce il pezzo cantato.ogni tanto guarda.è bella, pensa.ma non lo sa.si guarda dentro e non lo sa.


"alta pressione" Ludovico einaudi.
tornava li, dove spesso ha lasciato un ricordo,una frase, un pezzo di anima a volte, a volte sempicemente qualche neurone messo fuori posto. aveva ritrovato il posto come un vecchio libro dimenticato su una scrivania, di quelli dove bisogna soffiarci sopra per leggere il titolo. E aveva aperto. le pagine erano un pò piu gialle di tempi addietro e forse aveva saltato qualche pagina. stavolta era sulla pagina e sulla sera giusta. Vorrebbe a volte riusire a trasmettere quello che le note di questo pianoforte trasmettono a lui. Riuscire a spiegare figurativamente quello che "vede" quando lo ascolta.o quello che vedrà.forse.
Son paure diverse stavolte.mai proate o forse dimenticate. Di quelle della Prima Volta di tante cose..e della Seconda di qualche altra.[le Onde.Ludovico Eiunaudi]. si sentiva piu tranquillo.Un tetto ce l’avrebbe avuto..bisona cercarne ora uno ce non avesse le tegole d’oro..uno di quei tetti dove magari enlle notti d’estate si intravedono le stelle…e di quelli dove ci piove dentro i invernoi, ma era piu tranquillo. Era piu tranquillo anche in quello che andava a fare,perchè sommerso da mille in bocca al lupo. laesta frse stavolta si era ermata davvero su un punto fisso.sempre lo stesso da tanti anni, ma ora fors eun pò piu grande e vicino.Se camminava si ricordava di tutte le volte che ci era passato, di tutte le vote che era andato a prenderLa, delle volte che si erano dovuti fermare in acchina dopo qualche uscita e bevuta di troppo. Delle volte che andava avanti indetro tra la casa e la facoltà.delle volte che l’aveva girata cosi..tanto per girarla. delle volte che si era seduto daanti al porto e vedeva le navi partire..tante..troppe fino ad un certo punto. delle volte che sentiva l’odore dei silos se soffiava maestrale. camminava e sentiva quelle Vie ora sempre piu vicnie ma nello stesos tempo più lontane. e sempre lo stesso pensiero ogni tanto gli venva in mente"chissà…magari è l’ultima volta che ci metto piede i questo angolo di mondo.[fuori dalla notte.ludovico einaudi]. un cambiamento?forse..Sicuramente c’è un qualcosa di fondamentakle e decisivo nei suoi prossimi mesi. era in ua panchina..aspettava il bus…l’8 agari..chiude gli occhi..e la città cambia. cambiano i colori.gli odori.i suoi.i dialetti.l’essenza forse della vita stessa per come l’ha sempre intesa e voluta intendere.[moto perpetuo.udovico einaudi]. Sa di essere attaccato all’isola in maniera viscerale..forse non piu tanto alle persone ma alla terra..ma sa anche che non è di nessuno, di nessuna terra..che niente gli appartiene se non i propri pensieri e le proprie figure che ogni istante gli si formano in testa.che è solo lui che può decidere di come sarnno i prossimi giorni, i prossimi mesi.le prossime vite che andrà a vivere.
ma a chi vuole darla a bere…la vede come un paesaggio attraverso una pinta di scura..attenuata..scura ma calda..e accogliente.
Ha lottato..ha bestemmiato..ha pianto..era la vita soltanto.e sarà soltanto la Vita

ecco…questi…